“L’è un mèl che zira…”

0
148

Pubblicato la prima volta il 29 Luglio 2018 @ 00:00

“Cosa ci hanno lasciato” di Grazia Nardi
Vocabolario domestico: “L’è un mèl che zira….”

Era (ed è) il commento verso chi si lamentava passando in rassegna tutti i mali, rendendosi così poco credibile per cui lo si tranquillizzava ironicamente dicendogli che in realtà aveva un unico “male” che, però, “girava” per tutto il corpo. Era un modo per sdrammatizzare i lamenti dei “dulòn”.. anzi ho conosciuto anche una persona che per questa sua propensione era sopranominata “la dulòuna”… naturalmente era come la favola de “al lupo, al lupo” chè quando la persona si ammalava davvero nessuno le dava credito.

Era quella che d’estate “stè chèld ut s-cènta al gambi”, d’inverno “stè frèd um spaca gli òsi”, in autunno e primavera “sé cambie ad stasòun i vèin fóra tót’i mèl..”” e “ciùd clà pòrta clà fa curènta!”….” um fa mèl e’ cal.. e’ tèmp e’ farà e’ dièvùl..”… “ho ciap frèd ti pìd….u mè vnù e’ mèl ad pènza”…”per cusì ho ciapè e’ tòrzicòl”.. “pèr stè dasdé am so indulinzìda al ciapi de cùl..”… E naturalmente poco disposta verso lavori fisici “ah s’avéss la saluta…”… “va tè tlà butèga.. òz al gambi l’in mè vèin dré…”.

Persone definibili con altre espressioni da “l’è cmè caval ad Scaja.. clà sèt mèl sóta la códa” a “l’è ad chèrta sugherèina…”.. ma che – in ogni caso – non venivano prese sul serio, sempre smentite dalla realtà che le vedeva più in salute e longeve di quelle che “è stèva bèin, è stèva bèin e pó i j’è n nù un cólp”.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *