Clà vòlta quand l’arvèva e’ de’ ad fèragòst us fèva ad gròs: lasagni, anguria e pòl aròst E i pió furtunèd, chi avéva e’ curtìl o e’ zardèin zó slà rustida e po’ la zambèla bagnèda te’ vèin Un’èra e’ tèmp de“l’insalatona” sèinza la minèstra ma sintìvti chi prufóm chi scapèva da la finèstra o clà nóvla ad udòr cla s’alzèva dal gradèli ènca tj’albèrg e t’al pensiunzìni sa pòchi stèli Nà cume òz ch’it dà i grèl e it dìs clè aragòsta ma cal tajadèli vérdi clì gunfièva sa clà cròsta e chè mést ad custarèli, sunséza si pèz ad brasòla nà la chèrna d’adès clà pèr chi sas da bat la sòla E cal fètti ad salèm nustrèn… quèl sé l’èra crud tvò mèt se’ susi e la salsina ch’it dà mè fastfud? E la “vellutata di piselli” chè dl’òglie in mèt un cichìn? an farìa cambié si pivarùn abrustulìd, se’ rimpìn E pèr antipast la fritèda slà zväla chè se’ tal racòunt òz it dìs clè na fòla E po’ e’ sentór dl’aşeda sóra al patèdi si fasulèin e chè furmaj isè sapurìd che bastèva un pzulèin “Uj vò per saquès la bäca”, i gèva si oćć ma tèra cum a vèrgugnès dòp la fèma patìda per la guèra chè cl’abundènza ènca se’ guadagnèda se’ sudór la fasés tòrt ma quìl pió purét che n’è lór

Allora, nel giorno di Ferragosto, era festa grande, almeno a tavola: lasagne al forno, cocomero, pollo arrosto e i più fortunati, quelli che disponevono di un cortile o di un giardino potevano permettersi la grigliata per finire, tutti, con la ciambella inzuppata nel vino. Non era il tempo de “l’insalatona” che sostituisce il primo ma si sentivano i profumi uscire dalle finestre aperte e quella nuvola di fumo odorosa che si alzava dalle graticole di casa ma anche degli alberghi e delle pensioncine più modeste… non come oggi che ti servono il grillo e lo fanno passare per aragosta. Quella volta si cuocevano le lasagne con sfoglia verde, di quelle che gonfiavano nel forno ed erano pronte solo quando la crosta, attorno, prendeva il colore più scuro.. e quel misto di costicce succose, salsiccia e braciole col “grassino”.. non come la carne di adesso, dura come quei sassi che il calzolaio usa per battere la suola. E non mancavano le fette di salame nostrano, quello sì, era crudo.. ma vuoi mettere con lo sushi o la salsina che ti danno al fast food? E la “vellutata di piselli” che, se va bene, di olio ne vede una goccia? Non farei cambio con quei peperoni abbrustoliti poi riempiti di carne condita e speziata. E la frittata di cipolla come antipasto, che oggi pochi ci crederebbero, e quel sentore di aceto che, con l’olio, andava a condire patate e fagiolioni che facevano da contorno ed infine il formaggio così saporito che ne bastava un pezzetto ciascuno. “Ci vuole per sciacquarsi la bocca” dicevano con lo sguardo abbassato, quasi a vergognarsi dopo la fame patita durante la guerra, come se quella nuova abbondanza, anche se guadagnata col sudore del proprio lavoro, facesse torto a quelli più poveri di loro.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *