“Un sé mòv e un sé scrólla”

0
140

Pubblicato la prima volta il 19 Febbraio 2018 @ 00:00

“Cosa ci hanno lasciato” di Grazia Nardi
Vocabolario domestico: “Un sé mòv e un sé scrólla”

Praticamente fermo, immobile… ma l’espressione non era attribuita ad un soggetto che si stava sottoponendo ad una ripresa fotografica.. era il modo, spesso dispregiativo, con cui ci si riferiva alle persone del tutto prive d’iniziativa, apatiche, indifferenti fino ad arrivare a quelle vagabonde.. persone sorde ad ogni richiamo, ad ogni incitamento. E potevano essere quelli che oggi vengono comunemente definiti “bamboccioni” ovvero figli assai cresciuti che “i sta èncora tachèd m’al sutèni dla mà”, immortalati da Fellini ne “I vitelloni”… quello che mai lavorato o perso il lavoro se ne stava al bar “in attesa” e che veniva apostrofato con “vòja da lavurà salteme addosso”.. e qui si dovrebbe aprire una parentesi chè quel modo di dire ha un accento chiaramente diverso da quello romagnolo e – purtroppo – prendeva spunto da un pregiudizio sulla “mollezza” dei meridionali che, allora, erano per lo più dediti al commercio ambulante, mentre il pacioccone nostrano, detto anche “serafino” veniva apostrofato con un “è nato stanco e vive per riposare”. Parimenti veniva colpita la figlia femmina che mostrava poca attitudine verso i lavori domestici “l’an sé mòv e l’an sé scrólla, la n’ha vòja da fè gnìnt, mè a la su età….”.

Poi c’erano quelle e quelli impegnati in una qualche attività ma che “ta jè da dì tót.. fa quèst, fa quèl, fa i sé, fa i sa…perché da per lór in sé mòv…”. Al di là della specifica situazione quello che preme – come sempre – è mettere in luce il “colore” di certe espressioni che – tradotte – non rendono la stessa efficace ed anche mettere in evidenza il loro legame con comportamenti e giudizi che riflettevano il senso della vita di allora….si vivevano difficoltà ed ostacoli che solo i più forti, i più “attivi” potevano superare.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *