Zner

0
380

Pubblicato la prima volta il 3 Gennaio 2017 @ 12:28

 

 

 

 

 

U iè dal zurnedi sun sol cu m’inchenta

alora um ciapa la sfregla e a vag zò ma la paleda

Um pies camnè so e zò te mez a chi vec chi pesca

Sora chi scaranin i per imbalsamed

I se – per senza gnint – sal meni tal bascozi

aventi e indrè sa che vent giaz cum taia la faza.

E mer l’è ancora scur – agited

e sbat sora mi scoi e fa un scaramaz cu m’invurness.

I oc i taca a lacrimè – e nes e gozla

am sugh i murghent si guent, tent un s’incorz nissun.

 

L’è com a di ma l’inverni – dat na mosa

tod de caz

Me se capot e i calzun long an gni pos ste

Ho da met i pid tla sabia

i se a capes cus cum sfrogla tla penza

e quand ca guerd e mer um per da es du n ‘enta perta

 

GENNAIO

 

Ci sono delle giornate con un sole che m’incanta

allora mi prende la fregola e vado sulla palata.

Mi piace camminare su e giù tra quei vecchi che pescano

Seduti sugli sgabelli sembrano imbalsamati

Così – senza un motivo – con le mani in tasca

avanti e indietro con quel vento ghiaccio che mi taglia la faccia

Il mare è ancora scuro – agitato

sbatte sopra gli scogli e fa un rumore che mi rintrona.

Gli occhi iniziano a lacrimare – il naso gocciola

mi asciugo il muco coi guanti, tanto non se ne accorge nessuno.

 

E’ come dire all’inverno – datti una mossa

levati dal cazzo

Io col cappotto e i calzoni lunghi non ci posso stare.

Devo mettere i piedi nella sabbia

così capisco cosa mi gira nella pancia

e quando guardo il mare mi sembra di essere da un altra parte.

 

(Baldo Stevazzi)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.