“Cosa ci hanno lasciato” di Grazia Nardi
Vocabolario domestico: “T’an vurè mèga ca magna clà purchèra!?”

Tiglio, scap? Du vèt? La domanda che la mamma, sempre sospettosa (anche a ragione) rivolgeva al babbo che s’apprestava ad uscire e quando non “a vag a fè un zìr sè merchè”, la risposta puntuale era: “a vag fè un zìr in zima la palèda”. Ecco il babbo marinaio, figlio di marinai in un bosco non riusciva a respirare e non avrebbe potuto vivere in una città senza mare. Certamente gli piaceva “fè la partida” al Circolo Operaio del Borgo San Giuliano, andare al cinema da solo facendo arrabbiare la mamma “a sò sèimpra inculèda i qué drèinta (non si sa se volesse dire “incollata” o altro)” ed anche “se’ dèva e’ taramòt… in sta chèsa a muriva sna mè..”. Ma il godimento puro, il babbo lo traeva dal mare…andava alla pesca per lavoro, quello che si svolgeva nelle ore notturne, al freddo invernale, calze intrise e mani violacee, nonostante i guanti di lana rimediati da vecchie maglie, quasi insensibili al tatto anestetizzate dal gelo..il chè rendeva ancora più difficile “cunzè i lumaghìn” chè se venduti “col culo tagliato” si poteva alzare il prezzo. Ancor oggi non pochi li cucinano interi per risparmiare tempo e fatica ma, diceva la Elsa, “isè in ciapa e’ sapór, invece se’ t’ai cunz, e’ sug e va te’ bus..”. Il babbo non possedeva una barca ed andava a pesca “alla parte”, ovvero come dipendente cui spettava una parte del ricavato: metà andava alla barca (possesso, carburante, spese di manutenzione, vivande da condividere coi marinai, ché mica mangiavano gratis), l’altro 50% andava una parte e mezza al padrone, idem al motorista; infine al marinaio e a chi lo andava a vendere… e, se “e’ paròn” era generoso, una mangiata di pesce a giornata.

Sì perché di pesce Tiglio era ghiotto, potendo, lo mangiava tutti i giorni.. sapeva curarlo come pochi, riducendo al minimo gli scarti, evitando di lavarlo con l’acqua dolce, ingradellandolo sapientemente testa coda, schiena pancia, a gradazione nel brodetto… ma questo lo faceva solo in particolari occasioni, per il resto aveva istruito bene la mamma. Così quando non andava a pesca per lavoro, non mancava mai di aspettare barche e “barchèt” al porto per rimediare, anche solo per lui, una porzione di pesce fresco che trasportava nel fazzoletto annodato ai quattro lati e, arrivato a casa pretendeva – tra le ire della mamma – di cuocerlo subito.. “cus cu jè da magnè òz?” e la Elsa “ e’ pól” o “stuvadèin”… e il babbo “quèl ta te’ magn tè mè a magn e’ pèss”, seguivano scene che sembravano tratte da “le baruffe..” .. la mamma provava “cóm… l’è tót zà pròunt.. am so da mèt a fè da magnè d’arnòv? Fè un un sfunèz dla madona?” ed Tiglio “t’an vurè mèga ca magna clà purchèra che ho purtè chèsa e’ pèss frèsc?, e lei “ma mettle t’ cungèladór!”, elui “per dio…isè us coş te giaz..!”..e così la mamma, alle soglie del mezzogiorno, con già la minestra nel piatto doveva accendere “e’ fugon” sulla terrazza..Sarà anche per l’abbondanza di pesce ingerito che il babbo – che pure non si dava limitazioni negli alimenti preferendo anzi quelli più grassi e saporiti – che non ha mai avuto il valore alto di colesterolo. Ma in mare, Tiglio, non ci andava solo per lavoro.. e superata l’età, trovandosi con più tempo libero, aspettava ansioso che gli “inzgnèr” o “l’avuchèd” lo chiamassero per uscire in mare… attratti dalla sua abilità di marinaio ma, non di meno, da quella culinaria chè quel sugo con gli sgomberi appena pescati, in parte tagliati ed altri interi “isè u j’è e’ prìm e e’ sgänd” era una prelibatezza esclusiva.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *