“I bòt dl’ultmè dl’an”

0
235

Pubblicato la prima volta il 30 Dicembre 2015 @ 18:45

La dis, la Elsa, che i bòt a dmèna séra i fa paura,
soratót mi chèn ma gnènca léa l’ha sènt sigura
Perché cal brescùli li fa vnìni in amèint la guèra
“Quand as masèmie ti rifuģ si burdèl in bràz,
a scapemiè sènza tò só gnìnt, adòs snà i nòst stràz
Chi ha ciàp è mèl ad còr, chi s’ervinè gli òsi sl’umidità
e adès, in zìr tè mänd, i spèra èncora per purtè la ziviltà?
Dal bòmbi e mazamènt un po’ vnì fóra gnìnt ad bòn
chè pèr fès saltè pr’èria, è basta spènz un butón
Alóra smitì da fè i bòt, nà snà quìl dlà séra de trèntùn
chè tra la zènta nurmèla, da fè al gueri, un’a pió vòja nisùn

I botti di domani sera, ultimo dell’anno, dice la Elsa, spaventano, soprattutto i cani ma nemmeno lei si sente sicura… perché quei boati le fanno venire in mente la guerra..” quando ci nascondevamo nei rifugi coi bambini più piccoli in braccio, scappavamo senza prendere su niente dalle case… solo con quello che avevamo addosso… chi s’è malato di cuore dalla paura, chi si è rovinato per sempre le ossa per l’umidità… e adesso, in tante parti del mondo, si spara ancora per portare – dicono – la civiltà? Ma dalle bombe, dalle uccisioni non può venire niente di buono.. tanto più oggi che, con un bottone, ci possono far saltare per aria tutti. Allora smettetela di fare i botti, non solo quelli del 31 dicembre perché, tra le persone normali, nessuno vuol più fare le guerre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.