“L’in fnés mai”

0
190

Pubblicato la prima volta il 7 Gennaio 2016 @ 00:00

I dis che l’Epifania tót al fèsti la pòrta vìa,
sèh! tal dìs tè e clà pataca dlà tu zìa
Perché dòp nadèl l’è sèmpra carnevèl,
per chi pènsa snà a divertìs, è periòd più bèl
E in t’un balèin al cùlombi gl’ariva ti scafèl,
l’è zà Pasqua sagl’ovi e la suprésa per i burdèl
E pó us pasa al giti e scampagnèdi dlà Pasquètta,
chi in bèla vita, slà machina o sóra la lambrètta
Sènza cuntè dlà Festa ad San Gnusèf e dlà Dòna
che po’ adès uj è ènca quèla de bà, dlà mà e dlà nona
E sta tranquél che t’anarvènz senza góst
chè luntèn una sasèda l’è zà feragóst
e da l’anguria alla pièda di mòrt uj vò pòc
l’è óra che tat chèva e cùstóm e tmèta só e’ zòc
isè l’an nòv e bósa ma la porta
e l’è zà nadèl un’ènta vòlta
che pó cum clà dis la Elsa, cl’hà la tèsta
su jè la saluta e la pèsa l’è sèmpra fèsta

Dicono che l’Epifania ogni festa porti via…
ma và! lo dici tu e quella sprovveduta di tua zia
perché, dopo Natale è sempre Carnevale
il periodo più bello almeno per chi cerca solamente il divertimento
ed i men che non si dica, ecco apparire le colombe sugli scaffali del supermercato
ed è già Pasqua con le uova piene della sorpresa che piacciono tanto ai bambini,
quindi si passa alle gite, alle scampagnate tipiche della Pasquetta
chi vestito in bella vita, chi in auto e chi con la Lambretta.
Senza dire della Festa di San Giuseppe e di quella della Donna,
cui si aggiunge la Festa della Mamma, del Babbo e della Nonna
E di lì a poco arriva, un’altra festa, il Ferragosto
ma dal cocomero alla piada dei morti il passo è breve
e così si lascia il costume da bagno per accendere il caminetto,
praticamente l’anno nuovo è alla porta e senza neanche accorgersene
è Natale un’altra volta
che poi come dice la Elsa, anziana e con tanta saggezza:
se c’è la salute e la serenità… è sempre festa!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.