Nuvembri

0
244

Pubblicato la prima volta il 5 Novembre 2016 @ 08:19

U iè cla nebiulina bagneda
che per clat sporca
I culor i spares e al fazi
li dventa tresti
E per fat a posta per fet capì
che i que l’è mei arivè
piò terd cus po’
Drenta – a cnos piò zenta
che ad fora

Te campsent e fred u t’entra intra gli osi
I dis che mi mort un gn’interesa –
tent in sent piò gnint
Speremma che sia vera
Mu me e giaz um fa tristezza
Za quand ci mort u iè
poc da ste alegri
ut toca sbat e scur
e tant ti po’ mov

Me an la capess sta festa
sa tot chi fior e totta cla zenta
chis fa veda una volta a l’an
Mo lor – i mort – in conta miga
e temp cum ca fem nun – magari i è cuntent i sé
Speremma

Novembre

C’è quella nebbiolina bagnata
che sembra ti sporchi
I colori spariscono e le facce
diventano tristi
Sembra fatto a posta per farti capire
che qui è meglio arrivare
più tardi che si può
Dentro conosco più gente che fuori

Nel camposanto il freddo ti entra nelle ossa
Dicono che ai morti non interessa
tanto non sentono più niente.
Speriamo che sia vero
A me il gelo fa tristezza
Già quando sei morto c’è
poco da stare allegri
Devi sopportare il buio
e non ti puoi muovere

Io questa festa non la capisco
con tutti quei fiori e tutta quella gente
che si fa vedere una volta all’anno
Ma loro – i morti – non contano mica
il tempo come facciamo noi – magari sono contenti cosi
Speriamo

Baldo Stevazzi

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *