“Magne’ fòra o butè fòra?”

0
292

“Cosa ci hanno lasciato” di Grazia Nardi
Vocabolario domestico:

“MAGNE’ FÓRA O BUTE’ FÓRA?”

Ma quìl che per Pasqua i va magnè fóra
in sa da lamentè su n’è pas gnènca un’óra
Se me pòst de vèin bón iv dà la birèla
per forza dòp uv s-ciòpa la cagarèla
La spòja fata in chèsa i la compra a feragäst,
al fabbrichi i la cungéla per vèndla sätacòst
E che sug grìs ch’iv dis “alla romagnola”
l’e’ mènc un més chi la ciùs slà stagnola
E cl’antipast frèd sa l’ogliè crùd
e’ va zà bèin sin l’ha cundìd se spùd
Che l’extra vergine d’uliva u la vést in cartulèina
e la bocia ch’iv ha fat véda le quèla svóida dlà vidrèina
E pó qualcun che fa l’intenditór u ma da dì
se quèl l’è sèl ad Zèrvia cum cus fà a capì
“Arrosto con salsina” stesa sóra e’ piat
ad chèsa un ne magnarìa gnènca e’ gat
E che cunéj ch’iv servés a pèz sènza la testa
an vurìa che propria mè gat i avés fat la festa
E la fritturina mista con pesci turchini?
ma slè tót rundèli ad gòmma e zuchìni!
Allora a chèsa vostra an magnè mai se fóra lè tót bón
e iv ciapa per e’ cùl s’iv dis che i va servì la tradizión

A quelli che per Pasqua ci tengono a mangiare al ristorante dico che non possono lamentarsi troppo presto, chè se al posto del buon vino danno loro la birela, è ovvio che si beccano la cagarella quella pasta sfoglia che dicono “fatta in casa” è stata preparata almeno a ferragosto, poi congelata dalla fabbrica per venderla a prezzo concorrenziale; quel ragù acido che fanno passare per “sugo alla romagnola” avrà almeno un mese, conservato con la carta stagnola. E che dire di quell’antipasto freddo con sopra l’olio crudo? Va già bene s’è stato condito con lo sputo (occhio non vede…). Perché è certo che l’olio extravergine di oliva l’ha visto solo in cartolina e la bottiglia che vi hanno fatto vedere è quella vuota che tengono in vetrina.. e poi vorrei sapere da uno dei tanti intenditori come si fa a capire che il sale, come propagandato, è quello tipico di Cervia e quell’arrosto, pomposamente “steso” nel piatto con salsina, a casa non lo mangerebbe nemmeno il gatto. A proposito quel coniglio che vi viene servito a pezzi, senza la testa.. siamo sicuri che non sia un gatto? Per non dire del decantato fritto misto con pesce turchino quando in realtà si tratta di rondelle vendute nei bidoni e zucchine.

Allora mi resta da pensare che se quando mangiate fuori è tutto buono, a casa vostra non mangiate mai e quindi facilmente vi possono prendere per i fondelli… facendo passare ogni porcheria per cibo della tradizione. Se esprimete il desiderio di mangiare “fuori” e non volete fare una figuraccia è meglio che andiate sulla terrazza di casa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.