“E’ pac”

0
185

Pubblicato la prima volta il 11 Dicembre 2016 @ 00:00

Ho zà dét chè a Nadèl in sì fèva i rìgal nisùn, a cnusemiè snà la befana, quèla de Cumùn
L’èra i sé pòca e gnìnt la roba cl’arvèva ca t’nemiè dacòunt ènca la chèrta clà luséva.
E tévòja aspitè che vèç che zirèva slà slétta, l’èra e’ bà che pùrtèva a chèsa e’ pac dlà détta.
Perché quand un’èra imbarchèd, è fèva e’ manuèl, isè a sèrmiè insèin pèr al fèsti, ènca e’ dè ad nadèl.
Che cuntèntèza a véda che scatùlòun slà chèrta bló, sal stelìni zàli che da in èlt li paréva smuntèdì zò.
Pìn ad róba che nùn an pùtèmie cumprè dabòn, spumènt, panetòn e un machèva la stecca ad tùròn.
Quèl ad mèrca, sé miél e al mandùrli tustèdi nà cmè quèl de merchè sal nuciòli e caramèli culùrèdi.
Um pèr da sentì “ma us putéva fè mènc dè tùròn!” Sigùr ma un èra snà luvèria, l’era una tradiziòn.
Al tajémi a pzulèin, un pròn, propriè è vintizìnc chè s’alunghèmie la mèna us’arvèva un chèlz ti stìnc.
Zèrt che pèr i mì, i sarìa stè mèj dó sòld ad pió ma m’è padròun uj cunmìva isè e ut la dèva só.
E pó quèl l’èra e’ pac guadagnèd sé lavór, perché fè sènza? tanimodi per gnìnt, gnìnt it rigala, si nà l’è asistèinza.
Chè ognùn a mòd sù u sa da arcurdè che Nadèl l’è la fèsta ad chi la vò ma sopratót l’è di burdèl!

Il Pacco Ho già avuto modo di dire che a Natale non si usava far/ricevere regali, conoscevamo l’usanza legata alla Befana perché c’era quella promossa dal Comune. Ed era così poco quello che arrivava a casa, quasi niente, che, quando capitava, si conservava anche la carta, quella lucente, tipica del periodo natalizio. Ed era inutile aspettare che anche da noi passasse Babbo Natale, quello che viaggia con la slitta. L’unico a portar casa, era il babbo, col pacco che gli regalava la ditta dove lavorava, perché quando non era imbarcato, faceva il manovale, così potevamo trascorrere insieme le feste, compreso il Natale. Che felicità vedere quello scatolone avvolta nella carta blu, cosparsa di stelline gialle che, per noi, brillavano come fossero vere! Pieno di cose buone che noi non avremmo mai comprato, spumante, panettone ed una stecca di torrone, quello di marca con il miele e le mandorle tostate, non come quello che si prendeva al mercato con le nocciole e le caramelle colorate. Mi pare di sentire già il commento “ma del torrone si poteva fare a meno!”. Sicuro. Ma è da considerare che non si trattava solo di golosità, era pur sempre una tradizione. Lo si tagliava a pezzetti, uno per uno, proprio il giorno di Natale e se allungavi la mano per prenderne uno in più, ti arrivava un calcio nello stinco. Certo, per i miei sarebbe stato meglio ricevere qualche soldo in più ma al padrone non conveniva e optava per il pacco. Comunque anche il pacco era frutto del lavoro prestato, perché rinunciarvi? Nessuno ti dà niente per niente sennò è carità. E poi ognuno dovrebbe ricordarsi che Natale è la festa di chi ci crede ma in ogni caso è la festa dei bambini o, se vogliamo, che i bambini si aspettano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.